↑ Torna a La Terapia Manuale

La Terapia Manuale Viscerale

Cos’è la Terapia Manuale Viscerale

 

La Manipolazione Viscerale è un insieme di tecniche manuali di origine osteopatica, ostetrica e medico-infermieristica unite allo scopo di trattare manualmente molti disturbi causati da disfunzioni del nostro sistema viscerale, principalmente del Sistema digerente  ma, anche di quello respiratorio , circolatorio , urologico e ginecologico\andrologico.

I nostri organi , così come tutto il nostro corpo, hanno  bisogno di compiere dei precisi movimenti sotto la spinta continua del muscolo diaframma ad ogni respiro. Tali movimenti sono di fondamentale importanza per la salute degli organi in questione, in quanto li aiuta a smaltire le sostanze di scarto prodotte dal loro metabolismo. Se invece essa viene a mancare in parte o del tutto a causa di problematiche dovute a immobilità del soggetto oppure a disfunzioni posturali o anche a patologie già presenti nell’organo o in quelli confinanti, l’organo tende ad andare in una situazione di congestione da stasi. Questa condizione pone quindi le basi perchè l’organo stesso non svolga più correttamente le sue funzioni e cominci a creare dei sintomi relativi ad esse ( es. lo stomaco non ci fa digerire bene ) , ma anche a zone del corpo distanti da esso ma collegate da strette relazioni anatomiche e funzionali ( es. lo stomaco in disfunzione ci può dare problemi di mobilità e dolore alla spalla sinistra).

Attraverso un’analisi attenta e corretta dei sintomi del paziente , il clinico esperto in tale disciplina saprà trovare e trattare queste disfunzioni attraverso tecniche dolci di respirazione e mobilizzazione del viscere nel suo contesto fasciale che lo avvolge e lo mette in comunicazione con gli altri organi e apparati. Questo processo di trattamento si deve poi completare sia con una correzione delle problematiche posturali del paziente ma anche con altre correzioni al suo stile di vita come la dieta ( anche mediante il consiglio di integratori) e l’attività fisica, senza escludere la necessità di una valutazione a carico del medico specialista.